by Cristina Panigada

 

Da piatto tradizionale di una cultura gastronomica ancora poco esplorata in Italia, come quella peruviana, a proposta super cool: il ceviche è il protagonista di S’bam, skybar al sesto piano di The Student Hotel di Firenze, con iconica piscina vista Duomo. Diffuso in molti Paesi dell’America latina, il ceviche è stato dichiarato Patrimonio Culturale Nazionale dal Perù, dedicandogli, questo Paese, anche una giornata di festa, il 28 giugno. A base di pesce crudo marinato in leche de tigre, un brodetto di pesce con lime, coriandolo e aromi, il ceviche si presta a svariate rivisitazioni. Sul rooftop panoramico di The Student Hotel è possibile assaggiarne cinque versioni, Classico, Misto, Nikkei, Pasion, Tiradito, interpretati dall’estro di Fabio Barbaglini, chef di FOOO – Florence Out Of Ordinary e La Ménagère. Ombrina, polpo, tonno, gamberi, salmone e capesante sono esaltati da cipolla, quinoa croccante, peperone piccante, purea di avocado e patata dolce. Ogni versione è disponibile sia in porzione da tapas che in versione piatto. Rivisitate in chiave contemporanea anche alcune ricette tipiche della tradizione, tra cui La Causa, sorta di lasagna di patate che affonda le radici nel conflitto del Pacifico che coinvolse Perù e Cile alla fine dell’Ottocento. In carta anche una selezione di salumi iberici e una scelta di dolci d’ispirazione latina creati dalla pastry chef Michela Iodice. Completa la proposta una cocktail list pensata ad hoc dal bar manager di FOOO e La Ménagère, lo “sceriffo” Luca Manni. Imprescindibile il Pisco, acquavite da uva originario del Perù che si sta affermando come distillato tra i più amati dai bartender italiani. Da S’bam diventa esplosivo nel Pisco Go Wild, con aggiunta di sciroppo di basilico e pepe rosa, limone, albume e Mezcal vaporizzato. Chi non volesse allontanarsi troppo dalla tradizione può optare per un Santo Negroni, variante con vinsanto aromatizzato al bitter, o un Mai Tai con gli occhi a mandorla, base rum con note agrumate e sciroppo di latte di mandorla speziato. O per una bollicina spagnola o francese. Per un aperitivo capace di raccontare una storia millenaria, con parole nuove.

Share post with: