Il progetto di Enrica Della Martira si apre alla città

di Mark Taylor

 

È proprio vero che il rione di San Frediano è una delle parti più vive, stimolanti e creative di Firenze. Fin dall’800 quando il primo motore a scoppio della storia creato da Barsanti e Matteucci fu assemblato proprio nella famosa fabbrica meccanica del Pignone giusto fuori Porta San Frediano. E poi le botteghe degli artigiani che sono tutt’ora il cuore pulsante di questa parte dell’Oltrarno che i francesi chiamerebbero la rive gauche. Nel 1909 nasce anche un importante vivaio la cui attività cessa alla fine degli anni ’80. È il giardino Torrini, un’area verde di 3500 mq. Proprio qui, in questo ampio spazio, da un’idea della chef Enrica Della Martira, nasce “Orto San Frediano”, la prima garden kitchen fiorentina, uno spazio di nuova concezione in cui la passione per la cucina prende forme inedite e coinvolgenti. Lo spazio è stato completamente riqualificato nel rispetto del paesaggio, della sua vocazione e dei suoi elementi storici più preziosi, come un uliveto secolare che ancora produce ottimo olio. Orto San Frediano ha aperto alla città le porte del Giardino Torrini per offrire molteplici esperienze di gusto e di bellezza, in uno scambio continuo tra il dentro e il fuori. La garden kitchen, quartier generale di Enrica Della Martira, ruota intorno all’orto-giardino, disegnato e allestito dal vivaista Paolo Mati appunto ad inizio secolo scorso. In cucina, esperienza, professionalità e creatività incontrano la freschezza dei vegetali a chilometro zero. «Ho voluto creare un luogo con un’identità precisa e immediatamente riconoscibile, un luogo che mettesse insieme la cucina contemporanea e la tradizione, in un’atmosfera semplice e raffinata» racconta la chef Enrica Della Martira. Ma Orto San Frediano è anche e soprattutto una scuola di cucina innovativa nella quale convergono le diverse esperienze che Enrica ha maturato in anni di attività e di collaborazioni: un’offerta formativa contemporanea e connessa al territorio con corsi collettivi e lezioni individuali per una reale “garden to table experience”. Qui si possono organizzare anche pranzi privati ed eventi con menu personalizzati. A completare l’offerta i servizi di catering e di delivery.

Share post with: