L’arte di Firenze fa ancora scuola nel mondo

di Leonardo Bartoletti, ph. Palazzo degli Alessandri

 

Non è originale, ma ci assomiglia in tutto e per tutto. Guardando- lo, senza toccarlo, sembra vero.

Stesse dimensioni, un bianco ugualmente ‘sporcato’ dal tempo, medesime venature. La copia esatta del David di Michelangelo è partito, in una tarda serata di aprile, dal centro storico di Firenze. Il grosso automezzo sul quale l’opera è stata caricata ha lasciato Borgo Albizi intorno alla mezzanotte. Il finto David arriverà a Dubai e sarà sistemato al centro del padiglione italiano allestito nell’ambito dell’esposizione universale, che aprirà il primo ottobre prossimo (con chiusura a marzo 2022).

La realizzazione è la più vicina all’originale mai creata: digitalizzazione, stampa tridimensionale, rifinitura maniacale ed un risultato praticamente perfetto, grazie alla resina acrilica ed alla copertura totale realizzata con polvere di marmo. Tutto questo sotto il controllo del Commissariato per la partecipazione del’Italia l’Expo di Dubai, al Ministero italiano della

Cultura ed alla galleria dell’Accademia, che hanno verificato passo per passo la nascita del ‘clone’.
Il David era all’interno di un laboratorio, sistemato in piedi al piano terreno. Le operazioni per la partenza della statua sono state complicatissime ed hanno richiesto quasi quattro ore di lavoro, oltre che alcuni giorni di preparazione. Nella stretta strada del centro fiorentino sono arrivati l’autoarticolato ed un carro gru. Prima è stato fatto uscire il grosso piedistallo. Poi il David è stato sistemato, disteso, su una piattaforma, adeguatamente protetto e portato fuori dalla porta. Per ruotarlo e metterlo in posizione corrispondente alla strada è servita la gru. Che, alla fine, ha sollevato la sta- tua, consentendo al Tir (in retromarcia) di inserirsi sotto il David.

L’aereo con il prezioso testimonial della cultura italiana partito da Mal- pensa ha chiuso il cerchio su un grande messaggio di cultura e di fiducia. Totalmente italiano e completamente targato Firenze.

Share post with: