Al Silvio la tradizione è già futuro

by Cristina Panigada, ph. Archivio Bagno Silvio

 

La storia del Bagno Silvio ha un secolo di vita. Era il 1919, Forte dei Marmi stava diventando meta di villeggiatura di poche famiglie nobili e di imprenditori come la famiglia del Cavaliere Alfredo Susini che aveva una villa in viale Versilia con annessi 30 metri di spiaggia. Il nobile aveva affidato la manutenzione dei giardini a Pietro Dazzi, ma la spiaggia rimaneva non curata. Fu allora che Pietro propose alla proprietà suo figlio Silvio che iniziò così l’attività di guardiano e poi bagnino. Il bagno aprì con solo due cabine destinate al Cavaliere ed ai suoi ospiti. Silvio si faceva in quattro per offrire un ottimo servizio. Ogni anno aumentava il numero delle cabine ed il bagno subiva notevoli migliorie. Alla fine degli anni ‘20 il Cavaliere, notando le capacità di gestione e conduzione della spiaggia, decise di cedere il bagno a Silvio che gli diede il suo nome. Da allora è sempre stato condotto dalla famiglia Dazzi, passando di padre in figlio fino ad oggi in cui la gestione è affidata alla quinta generazione con Gianluca, nipote di Luca e figlio di sua sorella Vanna, proprietari. Si occupa con familiare professionalità del ristorante, ormai luogo di riferimento per il buon mangiare in Versilia, mentre sua moglie Laura, con premurosa accoglienza, segue le 36 tende con cabina che di anno in anno vengono occupate stagionalmente quasi sempre dalle stesse famiglie. E c’è anche chi festeggia quest’anno 66 anni di costante e fedele presenza. L’ambiente è molto riservato. La famiglia Dazzi non si concede al gossip. Così che le immagini “rubate” dagli amici sono le uniche testimonianze delle estati passate al Bagno Silvio. Qualcuno racconta di aver visto sotto le tende o al ristorante per il famoso spaghettino alle arselle e le verdure dell’orticello della Vanna a Terrinca, Ugo Tognazzi, Loredana Berté, Renzo Arbore e “Quelli della notte” negli anni ’80 e poi Giancarlo Giannini, Massimiliano Pani figlio di Mina, Fernando Botero, Renato Pozzetto, Tony Renis e Andrea Bocelli quando ancora non aveva il suo Bagno Alpemare, ma anche chef stellati come Davide Oldani e Gianfranco Vissani o scrittori di gastronomia come Beppe Bigazzi o il gastronauta Davide Paolini. Gianluca, dal suo “ponte di comando”, non conferma e non smentisce.

 

BAGNO SILVIO

via Arenile, 64

Forte dei Marmi (LU)

Tel. +39 0584 82878

info@bagnosilvio.com

Share post with: